Lettera di Virgina Woolf al marito prima del suicidio

Volevo condividere con voi questa lettera. La lettera che Virginia Wolf scrisse al marito prima di togliersi la vita. Tutto questo per ricordarvi di vivere intensamente ogni attimo della vostra vita prima che sopraggiunga la malattia e porti via ogni attimo di felicità faticosamente conservato e vissuto.

“Carissimo,
sono certa di star impazzendo di nuovo. Sento che non possiamo affrontare un altro di quei terribili momenti. E stavolta non guarirò. Inizio a sentire delle voci e non riesco a concentrarmi. Sto quindi facendo quel che mi sembra la cosa migliore da fare. Mi hai dato la più grande felicità possibile. Sei stato in ogni senso tutto ciò che nessuno avrebbe mai potuto essere. Non penso che due persone potessero essere più felici fino a quando non è arrivata questa terribile malattia. Non riesco più a combattere. So che ti sto rovinando la vita, che senza di me potresti lavorare. E so che lo farai. Vedi, non riesco neanche a scrivere come si deve. Non riesco a leggere. Quello che voglio dire è che devo tutta la felicità della mia vita a te. Sei stato estremamente paziente con me e incredibilmente buono. Voglio dirlo. Tutti lo sanno. Se qualcuno avrebbe potuto salvarmi, saresti stato tu. Tutto se n’è andato da me tranne la certezza della tua bontà. Non posso continuare a rovinarti la vita. Non penso che due persone possano essere state più felici di quanto lo siamo stati noi.
V.”